Regola 17: Tiri piazzati

17.1. Definizione

17.1.1. Se un incontro ad eliminazione diretta in una competizione individuale o a squadre è in parità dopo il tempo supplementare anche per quanto riguarda la differenza reti complessiva tra le due squadre, saranno effettuati i tiri piazzati. In un incontro a squadre, il capitano della squadra nominerà uno dei 4 giocatori che hanno giocato per ultimi a rappresentare la sua squadra.

17.1.2. L'arbitro deciderà quale porta utilizzare e sceglierà un giocatore per effettuare un sorteggio tramite una moneta. Il giocatore che vince il sorteggio può scegliere se cominciare a tirare o a parare.

17.1.3. Cinque tiri per giocatore sono effettuati alternativamente, iniziando dal lato del campo scelto dall'arbitro, dalle seguenti posizioni:

17.1.3.1. La palla sarà piazzata completamente nell'area di tiro, il più vicino possibile alla linea di tiro e alla linea laterale, senza toccarle.

17.1.3.2. La palla sarà piazzata completamente nell'area di tiro, il più vicino possibile alla linea di tiro senza toccarla e in modo tale che una linea tracciata prolungando quella laterale dell'area di rigore passi attraverso il centro della palla.

17.1.3.3. La palla sarà piazzata completamente nell'area di tiro, il più vicino possibile alla linea di tiro senza toccarla e in modo tale che una linea dal centro della porta e passante per il dischetto del rigore passi attraverso il centro della palla.

17.1.3.4. Come la posizione del punto 17.1.3.2, ma sull'altro lato del campo.

17.1.3.5. Come la posizione del punto 17.1.3.1, ma sull'altro lato del campo.

17.1.4. Se dopo cinque tiri nessun vincitore è stato determinato, si continua ad oltranza dalla posizione del punto 17.1.3.1. Se dopo un numero uguale di tiri effettuati un giocatore ha segnato più goal dell'altro, allora quel giocatore è il vincitore.

17.2. Procedura per la battuta di un tiro piazzato

17.2.1. L'arbitro piazzerà la palla conformemente alle definizioni sopra riportate.

17.2.2. L'attaccante piazzerà la sua miniatura per tirare e confermerà che è preparato a procedere con il tiro dicendo: “pronto!” (“ready!”) Se l'attaccante non è pronto dopo 10 secondi l'arbitro considererà il tiro come effettuato senza successo. Se l'attaccante cambia la posizione della miniatura dopo aver annunciato di essere pronto, il tiro è considerato come effettuato senza
successo.

17.2.3. L'arbitro chiede poi al portiere di prepararsi. Il difensore non può oltrepassare la linea di fondo con alcuna parte del suo corpo per nessuna ragione. Al difensore sono concessi massimo 10  secondi per confermare che è preparato a procedere con la parata dicendo: “pronto!” (“ready!”)
Se il portiere non è pronto dopo 10 secondi, l'arbitro considererà il tiro come effettuato con successo.

17.2.4. L'arbitro autorizza l'esecuzione del tiro dicendo: “gioco!” (“play!”)

17.2.5. L'attaccante procederà con il suo tiro entro 10 secondi. Se l'attaccante non ha eseguito il tiro entro 10 secondi, l'arbitro lo considererà come effettuato senza successo.